Category Archives: Sermoni

  • 0

Los encuentros de un caracol aventurero

Category : Sermoni

Hay dulzura infantil
en la mañana quieta.
Los árboles extienden
sus brazos a la tierra.
Un vaho tembloroso
cubre las sementeras,
y las arañas tienden
sus caminos de seda
-rayas al cristal limpio
del aire-.
En la alameda
un manantial recita
su canto entre las hierbas.
Y el caracol, pacífico
burgués de la vereda,
ignorado y humilde,
el paisaje contempla.
La divina quietud
de la Naturaleza
le dio valor y fe,
y olvidando las penas
de su hogar, deseó
ver el fin de la senda.

Echó a andar e internose
en un bosque de yedras
y de ortigas. En medio
había dos ranas viejas
que tomaban el sol,
aburridas y enfermas.

“Esos cantos modernos
-murmuraba una de ellas-
son inútiles”. “Todos,
amiga -le contesta
la otra rana, que estaba
herida y casi ciega-.
Cuando joven creía
que si al fin Dios oyera
nuestro canto, tendría
compasión. Y mi ciencia,
pues ya he vivido mucho,
hace que no lo crea.
Yo ya no canto más…”

Las dos ranas se quejan
pidiendo una limosna
a una ranita nueva
que pasa presumida
apartando las hierbas.

Ante el bosque sombrío
el caracol se aterra.
Quiere gritar. No puede.
Las ranas se le acercan.

“¿Es una mariposa?”,
dice la casi ciega.
“Tiene dos cuernecitos
-la otra rana contesta-.
Es el caracol. ¿Vienes,
caracol, de otras tierras?”

“Vengo de mi casa y quiero
volverme muy pronto a ella”.
“Es un bicho muy cobarde
-exclama la rana ciega-.
¿No cantas nunca?” “No canto”,
dice el caracol. “¿Ni rezas?”
“Tampoco: nunca aprendí”.
“¿Ni crees en la vida eterna?”
“¿Qué es eso?
“Pues vivir siempre
en el agua más serena,
junto a una tierra florida
que a un rico manjar sustenta”.

“Cuando niño a mí me dijo
un día mi pobre abuela
que al morirme yo me iría
sobre las hojas más tiernas
de los árboles más altos”.

“Una hereje era tu abuela.
La verdad te la decimos
nosotras. Creerás en ella”,
dicen las ranas furiosas.

“¿Por qué quise ver la senda?
-gime el caracol-. Sí creo
por siempre en la vida eterna
que predicáis…”
Las ranas,
muy pensativas, se alejan.
y el caracol, asustado,
se va perdiendo en la selva.

Las dos ranas mendigas
como esfinges se quedan.
Una de ellas pregunta:
“¿Crees tú en la vida eterna?”
“Yo no”, dice muy triste
la rana herida y ciega.
“¿Por qué hemos dicho, entonces,
al caracol que crea?”
“Por qué… No sé por qué
-dice la rana ciega-.
Me lleno de emoción
al sentir la firmeza
con que llaman mis hijos
a Dios desde la acequia…”

El pobre caracol
vuelve atrás. Ya en la senda
un silencio ondulado
mana de la alameda.
Con un grupo de hormigas
encarnadas se encuentra.
Van muy alborotadas,
arrastrando tras ellas
a otra hormiga que tiene
tronchadas las antenas.
El caracol exclama:
“Hormiguitas, paciencia.
¿Por qué así maltratáis
a vuestra compañera?
Contadme lo que ha hecho.
Yo juzgaré en conciencia.
Cuéntalo tú, hormiguita”.

La hormiga, medio muerta,
dice muy tristemente
“Yo he visto las estrellas.”

“¿Qué son las estrellas?”, dicen
las hormigas inquietas.
Y el caracol pregunta
pensativo: “¿Estrellas?”
“Sí -repite la hormiga-,
he visto las estrellas,
subí al árbol más alto
que tiene la alameda
y vi miles de ojos
dentro de mis tinieblas”.
El caracol pregunta:
“¿Pero qué son las estrellas?”
“Son luces que llevamos
sobre nuestra cabeza”.
“Nosotras no las vemos”,
las hormigas comentan.
Y el caracol: “Mi vista
sólo alcanza a las hierbas.”

Las hormigas exclaman
moviendo sus antenas:
“Te mataremos; eres
perezosa y perversa.
El trabajo es tu ley.”

“Yo he visto a las estrellas”,
dice la hormiga herida.
Y el caracol sentencia:
“Dejadla que se vaya.
seguid vuestras faenas.
Es fácil que muy pronto
ya rendida se muera”.

Por el aire dulzón
ha cruzado una abeja.
La hormiga, agonizando,
huele la tarde inmensa,
y dice: “Es la que viene
a llevarme a una estrella”.

Las demás hormiguitas
huyen al verla muerta.

El caracol suspira
y aturdido se aleja
lleno de confusión
por lo eterno. “La senda
no tiene fin -exclama-.
Acaso a las estrellas
se llegue por aquí.
Pero mi gran torpeza
me impedirá llegar.
No hay que pensar en ellas”.

Todo estaba brumoso
de sol débil y niebla.
Campanarios lejanos
llaman gente a la iglesia,
y el caracol, pacífico
burgués de la vereda,
aturdido e inquieto,
el paisaje contempla.

 

(Federico Garcia Lorca)

 


  • 0

black out

Category : Sermoni

Angoscia.
Tutta attorno.
La sento respirare.
Mi osserva, mi opprime.
Mi succhia ogni volontà.
Reca con se sogni cupi, senza una visione chiara, solo pesanti come macigni.
La consapevolezza di non essere accettato,
la presenza di qualcuno di interno, più a portata di mano.

Sono sempre più in versione orso, la lontananza dal mondo mi rende sempre più scontroso con chiunque.
Non ho neppure voglia di attendere l’alba. E’ insipida vista da qua.
Sull’isola uscivo tutti i giorni per ammirarla. La sentivo entrare in me. La luce del mattino a cui appartengo.
C’è tanto odio attorno a me. E’ palpabile. Ma è il mio ambiente naturale, sono nato in mezzo all’odio e quando non c’è un po’ mi manca. Mi fa sentire vivo e ramingo in un mondo di zombie.
Ogni tanto mi capita di incontrare qualcuno di loro che mi colpisce particolarmente. Percepisco l’irrequietezza dell’anima e provo ad osservarla. A volte me lo consentono, a volte fuggono.
Coloro che non si spaventano li accompagno verso un percorso di consapevolezza, ma coloro che si impauriscono mi generano tristezza e dolore.
Il senso di impotenza mi pervade, non poter fare nulla per loro, non poter usare nessuna forma coercitiva, non è nei poteri che mi sono stati concessi imporre alcunché.

Ho voglia di parlare con qualcuno… ma tutto è assopito. Neppure una luce trapela a mo’ di faro.
Internet ha finalmente ripreso dopo alcune ore di black out. Ma ormai sono andati tutti. Il senso di solitudine resta.

 

 

www.allwallpapersfree.org


  • 0

11 aprile 2016

Category : Sermoni

Nella giornata di ieri sono successe alcune cose degne di nota.
Partiamo da quella che viene definita “shitstorming” (ci vuole pazienza, i bimbiminkia si sentono grandi se usano parole copiate dagli adulti).
Racconto l’evolversi della situazione nelle linee generali.
Il giorno precedente, uno di tali bimbetti, ci aveva riempito il sito (circa 600) di foto porno viste e riviste migliaia di volte.
Sono bimbetti, credono di impressionare gente molto più grande di loro con i loro giochetti infantili.
Inoltre avevano postato anche il link al loro gruppetto per mongoloidi dove giocano a fare “gli uomini vissuti e stanchi della vita”.
E’ un classico, chiunque abbia fatto studi di psicologia, anche a livello basilare, riconosce subito tale atteggiamento tipico degli adolescenti con poco cervello e quindi poco da offrire al mondo.
Viene anche descritto molto bene da Esopo in una delle sua famose favolette, e ciò dimostra che tali atteggiamenti non sono stati inventati dai bimbiminkia moderni (nonostante loro lo credano), ma bensì esistono sin da quando è iniziato il primo barlume di civiltà umana.
Uno dei nostri membri, visitando il loro gruppetto, vide che alcuni stavano vantando della “megaspammata” e di averci fatto “rosicare”. Così decise di fare una piccola rappresaglia postando i link dei nostri gruppi.
Riuscì a farlo indisturbato per oltre un’ora, postando almeno 2000 link.
Se le loro misere 600 foto erano una “megaspammata da rosicamento”, come potremmo definire i nostri 2000 link che hanno reso il loro gruppetto invivibile per oltre un’ora?
Fatto sta che questi bimbiminkia sono avvezzi a queste cose (sono bimbi che giocano a fare la guerra con pistole finte), e hanno deciso di organizzarci un “mega-attacco” di massa. Ciò che appunto definiscono “shitstorming”.
Così si sono radunati per circa 3 ore, hanno infiltrato alcuni dei loro (sapevamo benissimo chi erano sin dal primo momento ma li abbiamo lasciati fare per divertirci un po’) e poi, ad un certo punto il loro capetto ha dato il via all’attacco.
Non vi dico i momenti terribili che abbiamo passato Il “terrore si è impossessato di noi”, gli scudi si sono immediatamente alzati (nessuno poteva più aggiungersi ai nostri gruppi) ed i bimbetti sono stati eliminati e segnalati a telegram.
Durata dell’attacco circa 3 secondi.
Se consideriamo che, numericamente parlando, loro sono circa 10 volte noi, direi che non c’è male come attacco massiccio.
Da voci di corridoio sembra che bande di bimbiminkia rivali li stiano ancora deridendo per la figura da peracottari che hanno fatto.
Piccola nota finale, la classica ciliegina sulla torta.
Nell’alzare gli scudi avevamo appositamente lasciato aperto l’ingresso di servizio. Serviva per misurare il loro quoziente intellettivo. Ebbene, nessuno di loro se ne è accorto, e questo la dice lunga sul livello di tali personaggi.

Episodi di questo genere, come diceva il nostro creatore, avverranno sempre più spesso. Siamo davvero invidiati sempre di più a causa della nostra serietà ed innovazione che stiamo portando all’interno di telegram.
Per cui armiamoci di tanta pazienza e giochiamo un po’ con tali bimbetti, in fondo sanno farci divertire anche loro.

Un altro passo è stato fatto per quanto riguarda la nostra presenza nel mondo della Rete.
Ora possediamo una raccolta in Google+. Chi desiderasse connettersi può farlo utilizzando questo link (spero funzioni, non l’ho ancora testato, eventualmente datemi un riscontro).

https://plus.google.com/collection/MgEcgB

E per oggi vi saluto e vi auguro un buon proseguimento nel mondo Chastle.

 

 

wallpaper-66408


  • 0

10 aprile 2016

Category : Sermoni

Tutte le religioni di natura spirituale sono invenzioni dell’uomo. Egli ha creato un intero sistema di divinità, utilizzando niente di più che la propria immaginazione.
Solo perché egli ha un ego che non riesce ad accettare, l’ha esternato in qualche grande espediente spirituale che ha chiamato appunto “Dio”. Dio può fare tutto ciò che all’uomo è proibito – come uccidere, compiere miracoli per gratificare il suo volere, controllare senza apparente responsabilità, etc. Se l’uomo desidera un tale dio e lo riconosce come tale, naturalmente sta adorando un’entità che
un umano ha inventato. Quindi  EGLI STA ADORANDO L’UOMO STESSO CHE HA CREATO DIO . A questo punto, non avrebbe più senso adorare un dio che lui, lui stesso, ha creato in accordo con i suoi bisogni emozionali – uno che meglio rappresenti il perfetto essere carnale e fisico che ha ideato d’inventare un dio da porre in primo piano?
Se l’uomo insiste nell’esternare la sua stessa verità nella forma di “Dio”, allora perché teme la sua stessa verità temendo “Dio”, – perché loda la sua stessa verità lodando “Dio”, perché rimane esterno a “Dio”,  QUANDO ASSUME IL SUO NOME ALLO SCOPO DI CELEBRARE IL RITUALE E LA CERIMONIA RELIGIOSA?
L’uomo ha bisogno del rituale ed del dogma, ma non di leggi di stato che decretino la necessità di un dio, affinché ci si impegni in nome di dio nella celebrazione di cerimonie rituali! E’ possibile che quando egli avrà colmato la distanza tra se stesso ed il suo “Dio”, nel mezzo vedrà il demone della superbia strisciare fuori – apparendo nella perfetta personificazione di Lucifero?
Egli non potrà guardare a lungo se stesso diviso in due parti – quella carnale e quella spirituale – ebbene, quando le vedrà fondersi in una sola, è allora che con suo abissale orrore, scoprirà che esse sono una sola: quella carnale –  E COSI’ E’ SEMPRE STATO ! A questo punto, o egli si odierà fino alla morte, giorno dopo giorno, o si rallegrerà per la scoperta di quello che egli è!
Se si odierà, cercherà di scovare nuovi e più complessi sentieri di “allineamento” spirituale, nella speranza di potersi ancora dividere nella sua ricerca di “dei” più forti e più esterni, fustigando ancora una volta la sua povera e miserabile carcassa. Se invece si accetterà, ma riconoscerà che la cerimonia ed il rituale sono importanti espedienti che le sue fasulle religioni hanno utilizzato per sostenere la sua fede nella menzogna, allora sarà questa  STESSA FORMA DI RITUALE che sosterrà la sua fede nella verità – il primitivo cerimoniale che gli darà la consapevolezza del proprio maestoso essere, aggiunto alla sostanza.
Quando tutte le fedi religiose basate sulla menzogna saranno scomparse, sarà perché l’uomo si sarà avvicinato più a se stesso e allontanato maggiormente da “Dio”; quindi più vicino al “Diavolo”. Se questo è ciò che il diavolo rappresenta e l’uomo vive la sua vita nel tempio del diavolo, muovendo la sua carne per mezzo dei muscoli di Satana, egli fuggirà dalle chiacchiere e dalle lamentele dei virtuosi, oppure rimarrà con fierezza nei suoi segreti covi sulla terra, manipolando le folli masse indaffarate attraverso la sua Satanica forza, fino al giorno che potrà uscire allo scoperto e proclamare nello splendore: “ IO SONO UN SATANISTA! OPPRESSO, PERCHÈ SONO LA PIÙ ALTA INCARNAZIONE DELLA VITA UMANA! ”

 per gentile concessione di: http://www.helel.eu/

  • 0

7 aprile

Category : Sermoni

Come prima notizia vorrei ringraziare per l’ottimo lavoro svolto il nostro Ptero che, a causa di eccessivi impegni personali, è stato costretto a lasciare la carica di direttore generale del mondo Chastle che aveva. Rimane uno dei nostri membri più cari, ma non possiede più alcuna carica.
Con la speranza che un giorno possa risolvere i problemi che attualmente ha, gli auguriamo un felice proseguimento nel suo percorso vitale.

Sono partiti due nuovi gruppi tematici. Uno è dedicato alla musica e l’altro ai videogames.
Siete quindi pregati di rivolgere in quelle stanze apposite le vostre disquisizioni su tali argomenti.
Quindi ora l’elenco dei gruppi attualmente attivi è il seguente:

@Chastle
https://telegram.me/Chastle

@ChastleArena
https://telegram.me/ChastleArena

@ChastleHumanistics
https://telegram.me/ChastleHumanistics

@ChastleMusic
https://telegram.me/ChastleMusic

@GameWorld
https://telegram.me/joinchat/CxbwgTyp3HBfjYfSVtpeTQ
Possediamo anche una email nel caso desideriate comunicare con lo staff di Chastle in modo più esaustivo.
Ovviamente non verrà divulgato alcun dato sensibile. La riservatezza e il rispetto della privacy sono sempre al primo posto per tutti noi.
chastle.mail@gmail.com

Oggi è una giornata alquanto grigia. Almeno dalle mie parti la nebbia non consente una visuale superiore ai pochi metri, tuttavia vi auguro una buona permanenza nel nuovo mondo virtuale ove risplende, e spero risplenderà sempre, il sole.


  • 0

4 aprile

Category : Sermoni

Le news sono varie.

La prima che segnalo e che ci rende tutti orgogliosi è che siamo finalmente riusciti ad avere con noi Franky (detta anche la nonnina).
E’ la fondatrice di un gruppo antecedente al nostro e che si chiama DegradoARandom.
Ha esperienza e sicuramente ci aiuterà a crescere. Non possiede ancora incarichi definiti, tuttavia è già disponibile come “consulente”. Appena sarà pienamente operativa le troveremo sicuramente un ruolo adatto.
Era da tempo che la stavamo “corteggiando” e finalmente i nostri sforzi sono stati premiati. Il tempo dedicato ad illustrarle i nostri piani ha data i suoi frutti.

Chastle si sta espandendo anche sul web.
Poiché la piattaforma su cui opera possiede alcuni limiti, si è deciso di integrarla con il web vero e proprio.
Attualmente Chastle possiede due domini registrati:

chastle.ga
e
chastle.ml

Ancora non è stato deciso il modo in cui verranno suddivisi, tuttavia ne possediamo i diritti.
Una delle cose che potremo offrire ai nostri membri è la possibilità di avere una email personalizzata con vantaggi notevoli, come ad esempio un cloud illimitato (altro che i pochi GB che offre dropbox o altri).
Verranno inoltre creati siti appositi a supporto dei gruppi in modo da renderne più agevole l’utilizzo e la gestione.

Ieri abbiamo avuto anche una piacevole sorpresa. Il nostro fondatore ha deciso di offrire un saluto ed un ringraziamento a tutti i membri di Chastle dalla sua diretta voce.
Noi tutti lo ringraziamo e contiamo di essere sempre al suo fianco.

Vi auguro una buon permanenza nel mondo Chastle


  • 0

31 marzo

Category : Sermoni

La giornata di ieri si è svolta in maniera abbastanza tranquilla. Non ci sono variazioni degne di nota da illustrare, sono state effettuate per lo più operazioni di tipo esecutivo.
I progetti in corso stanno comunque procedendo, ma necessitano di tempi tecnici che stiamo comunque cercando di ridurre all’osso.
Arena sta crescendo e cominciano ad essere quel luogo di svago in cui poter passare qualche minuto in relax.
Sempre più sta crescendo la consapevolezza che quello è il luogo giusto dove postare immagini e filmati di qualunque genere.

Purtroppo c’è anche una notizia non molto piacevole, uno dei nostri membri “storici” e più amati, la nostra Lily, sta avendo alcuni problemi di salute.
Nell’augurarle possa rimettersi al più presto contiamo di riaverla presto fra noi.
Forza Lily e un grosso abbraccio da parte di tutto il mondo Chastle. Ci manchi molto. Non farci preoccupare più del dovuto, mi raccomando.

Spero possiate avere un buon soggiorno nel mondo di Chastle e vi do appuntamento a domani.


  • 0

30 marzo

Category : Sermoni

La novità principale di ieri è che durante la nottata una ventata di aria fresca è entrata nel nostro mondo.
L’età media del gruppo si è notevolmente alzata, ed inoltre ora siamo molto vicini ai 200. Il concetto di supergruppo (come già siamo) ora sta decisamente iniziando ad avere un senso.
Tuttavia siamo ancora ben lontani dai livelli che ci sono stati imposti, per cui vi invito a continuare sulla via di far conoscere chi siamo al resto della popolazione.
Se vogliamo conquistare il mondo dobbiamo possedere un esercito adeguato.

Possediamo inoltre un nuovo gruppo per le attività ludiche e altro.
Li si possono utilizzare i bot con maggior libertà ed inoltre è permesso l’invio di immagini anche se un po’ spinte.
Vi prego di utilizzarlo in modo da tenete il gruppo principale libero per le chat vere e proprie.

L’ondata di nuovi ingressi ha costretto gli amministratore a sospendere provvisoriamente i vari bot che utilizziamo, ma appena tornerà il responsabile del gruppo vedremo di ripristinarli.

Il castello sta iniziando a prendere un certa struttura. Stiamo valutando di realizzare nuove stanze da adibire ad utilizzi particolari, ad esempio da utilizzare per coloro che necessitano di una maggiore intimità.
Verranno divise per aree tematiche in modo da non disorientare i pellegrini che giungeranno a noi.

Come vedete Chastle è in corso di evoluzione. Non possiede ancora una identità ben definita in quanto sta definendosi giorno per giorno e proprio per tale motivo vi invito a partecipare con idee e suggerimenti.

E con questo per ora termino dando il benvenuto ai nuovi arrivati.

Chastle non è UN gruppo di telegram, Chastle è IL gruppo di telegram.


  • 0

29 marzo

Category : Sermoni

Come prima cosa desideriamo scusarci della discussione avuta ieri all’interno del gruppo. Non era il luogo più opportuno, per cui, sia Ptero che Io, ce ne rammarichiamo molto e vedremo di fare in modo che non succeda mai più in futuro.
A nostra giustificazione portiamo il fatto che la comunità è ancora molto giovane e necessita di assestamento. Le idee non sono sempre ben chiare e qualcuno a volte fraintende.
Una cosa che ancora vedo non essere ben chiara è l’ordinamento politico che possediamo. La comunità NON è in alcun modo basata su regole democratiche. Questa è la realtà e non può essere messa in discussione in alcun modo. Chastle non è minimamente interessata ad ascoltare fantasie od elucubrazioni su forme di governo alternative a quella che si è imposta. E’ una organizzazione di tipo gerarchico e va rispettata come tale. Sono ammessi suggerimenti di altro genere però. Tuttavia è d’obbligo rispettare l’ordinamento imposto.
Ogni settore ha un responsabile ed è necessario rivolgersi a tale figura per ogni cosa. Successivamente sarà il responsabile che, dopo aver raccolto le varie petizioni, le esporrà all’interno del consiglio che si tiene sempre e comunque a porte chiuse, ovvero in forma privata. A nessuno, e per nessun motivo di coloro che non fanno parte della schiera degli admin sarà concesso partecipare.

Ne approfitto per darvi una bella notizia. Ora anche Chastle test (definito anche la sala giochi) ha un responsabile, ed è la nostra brava e bella Shin. Per cui è necessario rivolgersi a lei per qualunque motivo inerente tale gruppo di appoggio.
Vi lascio, in modo da chiarire le idee, la composizione dei settori attualmente utilizzati in modo sappiate sempre a chi rivolgervi in caso di necessità:

1) Chastle. Il gruppo principale in cui si svolge la normale vita quotidiana è retto da @ptero

2) Chastle test. Il gruppo adibito a prove e divertimenti tramite l’utilizzo dei bot è governato da @DioLatte

3) Chastle news. Il canale dedicato alle comunicazioni inerenti la comunità, è gestito da @Abacuc

Esiste un nuovo tassello che stiamo implementando, ed è una definizione un po’ più elegante dell’organigramma del castello.
Ognuno dei nostri membri ha diritto di cittadinanza, per cui chiunque, se lo desidera, potrà avere un ruolo e ne sarà quindi il responsabile.
Certo, non tutti i ruoli avranno sbocchi effettivi in quanto magari dettati dalla fantasia di chi lo sceglie, ma altri troveranno una loro collocazione all’interno della struttura. Vedremo di rendere chiari il più possibile tali incarichi.
Non è stato ancora designato un responsabile di tale progetto in quanto stiamo valutando alcune possibilità, ma spero presto di avere notizie positive da fornirvi.

Per oggi dovrei aver terminato e spero possiate godere di un gradevole soggiorno all’interno del nostro mondo virtuale.


  • 0

28 marzo

Category : Sermoni

Una piacevole sorpresa si è palesata oggi.
Stiamo diventando famosi nella galassia telegram, ci additano in qualità di RPG (o GdR se preferite).
Debbo confessare che non avevo mai preso in considerazione l’eventualità di dare una reale impostazione di tal genere al gruppo, ma ora la sto prendendo in considerazione.
Per cui vedrò di cercare soluzioni che ci aiutino a crescere in tal senso dandoci una maggiore aura di professionalità e serietà.
Sono certo che la cosa potrà assumere aspetti gratificanti per chiunque in quanto verremo riconosciuti anche solo al semplice passaggio.
Se avete suggerimenti ed idee sarò ben lieto di ascoltarle tenendo però ben presente i punti cardine che forse è bene riassumere per chiarire meglio le idee.

Chastle non contiene, nè conterrà mai, regole al di fuori di quella base del: rispetta il prossimo, anche se non è ben chiaro se il prossimo è colui che è appena giunto o il prossimo che giungerà.

La struttura è di tipo gerarchico. Chiunque può esprimere pareri ma le decisioni finali verranno prese al vertice della struttura opportuna

Non si fanno distinzioni discriminatorie. Anche esseri abitualmente considerati inferiori fra noi potranno godere di pari dignità con tutti gli altri

Esistono altri gruppo a supporto di Chastle e un canale utlizzato per le informazioni generiche, Si possono utilizzare per scopi anche diversi da quello per cui sono utilizzati ora. Sentitevi liberi di illustrare idee e proposte

Chastle deve crescere. Nessun limite numerico se non quello del numero massimo consentito dalla piattaforma che ci ospita. Se si desiderano oasi di pace si possono eventualmente utilizzare i gruppi satellite di cui parlavo precedentemente

Chastle non è un fine ma un mezzo. Un punto di passaggio sul cammino che abbiamo intrapreso sin dalla nascita. Uno degli scopi che si prefigge è incentivare la crescita spirituale e personale dei propri membri. Non è un traguardo ma un trampolino di lancio per la vita

Non vi auguro buona giornata perché ho scoperto che mi porta sfiga. Per cui auguratevela da soli.