Monthly Archives: April 2016

  • 0

Lemegeton

Category : Uncategorized

Facoltà e poteri Spiriti che li conferiscono
Alchimia BERITH ZAGAN
Amicizia, ecc. BARBATOS BELIAL BOTIS FORNEUS GUSION
OROBAS RAUM
Amore AMON BELETH DANTALIAN ELIGOR FORNEUS
GAAP GOMORY RAUM SALEOS SYTRY
VUAL ZEPAR
Annegamenti, ecc. FOCALOR VEPAR
Arti e scienze ALLOCEN AMY ASMODEUS BIFRONS DANTALIAN
FORNEUS FURCAS FAMYGYN GLASYALABOLAS MORAX
NABERIUS PAIMON PROCEL RAUM SOLAS
Astrologia ALLOCEN AMY BIFRONS MORAX ORIAS
SOLAS
Coraggio IPES
Cose nascoste o perdute ANDROMALIUS CIMERIES ELIGOR SCOX VASSAGO
Distruzione AINI RAUM SCOX VINE
Dominio sugli uomini PAIMOM
Felicità domestica ALLOCEN BUER FURFUR
Filosofia BUER FURCAS GAAP MURMUR VAPULA
Fuoco AINI FLAUROS
Furti RAUM SCOX
Guerra e morte ABIGOR ELIGOR GLASYALABOLAS HALPAS LERAJIE
MARCHOSIAS SABNACK VINE
Immobilità AGARES ASMODEUS FORAS
Incantesimi MALPAS SEERE
Intelligenza e spirito AINI BALAM BUNE FORAS IPES
ZAGAN
Invisibilità ASMODEUS BAAL BALAM FORAS GLASYABOLAS
Ladri VALEFOR
Letteratura e poesia CIMERIES PHOENIX
Lingue AGARES CAIM FORNEUS RONOBE
Matematica e geometria ANDREALPHUS ASMODEUS BIFRONS PROCEL
Medicina BUER MARBAS
Musica AMDUSCIAS
Negromanzia BIFRONS CAMYGYN MURMUR
Odio e vendetta ANDRAS GAAP FLAUROS
Onori e avanzamenti BELIAL BERITH GUSION NABERIUSORIAS OROBAS
PATMON RONOBE VUAL
Passato, presente e futuro ALLOCEN AMON ASTAROTH BALAM BARBATOS
BERITH BOTIS CAIM FLAUROS GLASYALABOLAS
GOMORY GUSION GAAP IPES OROBAS
PURSON RAUM VASSAGO VINE VUAI
Retorica, ecc. CAIM FORNEUS NABERIUS RONOBE
Ricchezze e possedimenti BUNE FORAS
Rovina economica ASARES RAUM
Sapienza BAAL GUSION ZAGAN
Sapienza magica BATHIN BIFBONS DECARABIA FORAS FURCAS
GAAP MORAX PROCEL PURSON OSE
SOLAS
Segreti AINI ANDROMALIUS ASTAROTH DANTALIAN FURFUR
MARBAS OSE PROCEL VINE
Spiriti familiari AMDUSCIAS AMY BELIAL BOTIS DECARABIA
GAAP MORAX PAIMON PURSON SCOX
Terremoti AGARES
Tesori ANDROMALIUS AMY ASMODEUS BABBATOS CIMERIES
ELIGOR FORAS GOMORY PURSON VALAC
Trasformazioni ANDREALPHUS HAGENTI MARBAS ORIAS OSE
VALEFOR ZEPAR
Venti, tempeste, ecc. FOCALOR FURFUR VEPAR
Visioni DANTALIAN
Volo per magia BATHIN GAAP

  • 0

Composizione attuale

Category : Info

Gruppi Pubblici
@Chastle
https://telegram.me/Chastle

@ChastleArena
https://telegram.me/ChastleArena

@ChastleHumanistics
https://telegram.me/ChastleHumanistics

@ChastleMusic
https://telegram.me/ChastleMusic

@ChastleGame
https://telegram.me/joinchat/CxbwgTyp3HBfjYfSVtpeTQ

Impero del Grande Giappone
https://telegram.me/joinchat/BnZ5QD4oq628wrXewO67vA

ChastleWorld
https://telegram.me/joinchat/BnZ5QD3W2v3FzFaOW2LE0A

ChastleMovie
https://telegram.me/joinchat/BnZ5QD3jqzrM1zcKlYaIOA

@ChastleSmanettones
https://telegram.me/ChastleSmanettones

ChastleFantasy
https://telegram.me/joinchat/BnZ5QD27eLYNwlxhxxaITg

 
Gruppi Privati
Admin

Udienze

BlackRoom

ChastleKing

ChastlePrivate

Canali Pubblici
ChastleNews
https://telegram.me/joinchat/BnZ5QD58AHDGvMV__HAxxQ

ChastleLink
https://telegram.me/joinchat/CxbwgT44tHdeze6DmycepA

@ChastleWeb
https://telegram.me/ChastleWeb

Canali Privati
Archivio

ReginaCoeli

Domini
chastle.ga

chastle.ml

Admin
Circo Massimo
@Circensis

Johnny
@Elvion

Sara
@Allan_monteith

Ludovico
@ludo27

Ben Shakur
@BenShakur

Akira Nozomi Tojo
@NozomiTojo

Lidya Pozza Peña Töllërk
@Lidyasrk

Alessandro Victor Di Vita
@Tossico_Indipendente

Giosuè Casa
@LucentW

Zeffrino Abacuc
@Abacuc

Gianluca
@Gianluca6

Gjina Thacina
@Dattilo

Gengis Kahn
@Phosphorus

Miryan Aurora Rabah
@LilyLunaKatnissPotterEverdeen

email
chastle.mail@gmail.com

Gdrive
Pubblica lettura
https://drive.google.com/folderview?id=0B_vcv1hHLQuxbDl2MEZHbGMzWGM&usp=sharing

Pubblica scrittura
https://drive.google.com/folderview?id=0B_vcv1hHLQuxaWpCUzFGaTV4MEk&usp=sharing

web
http://chastle.ga/
http://chastle.ml/
http://chastle.cloudaccess.host/

G+
https://plus.google.com/collection/MgEcgB
https://plus.google.com/u/0/communities/112148504152151438295

 
Facebook
Web: https://www.facebook.com/groups/ChastleTelegram/
E-mail: ChastleTelegram@groups.facebook.com

Twitter
https://twitter.com/ChastleTelegram

  • 0

Los encuentros de un caracol aventurero

Category : Sermoni

Hay dulzura infantil
en la mañana quieta.
Los árboles extienden
sus brazos a la tierra.
Un vaho tembloroso
cubre las sementeras,
y las arañas tienden
sus caminos de seda
-rayas al cristal limpio
del aire-.
En la alameda
un manantial recita
su canto entre las hierbas.
Y el caracol, pacífico
burgués de la vereda,
ignorado y humilde,
el paisaje contempla.
La divina quietud
de la Naturaleza
le dio valor y fe,
y olvidando las penas
de su hogar, deseó
ver el fin de la senda.

Echó a andar e internose
en un bosque de yedras
y de ortigas. En medio
había dos ranas viejas
que tomaban el sol,
aburridas y enfermas.

“Esos cantos modernos
-murmuraba una de ellas-
son inútiles”. “Todos,
amiga -le contesta
la otra rana, que estaba
herida y casi ciega-.
Cuando joven creía
que si al fin Dios oyera
nuestro canto, tendría
compasión. Y mi ciencia,
pues ya he vivido mucho,
hace que no lo crea.
Yo ya no canto más…”

Las dos ranas se quejan
pidiendo una limosna
a una ranita nueva
que pasa presumida
apartando las hierbas.

Ante el bosque sombrío
el caracol se aterra.
Quiere gritar. No puede.
Las ranas se le acercan.

“¿Es una mariposa?”,
dice la casi ciega.
“Tiene dos cuernecitos
-la otra rana contesta-.
Es el caracol. ¿Vienes,
caracol, de otras tierras?”

“Vengo de mi casa y quiero
volverme muy pronto a ella”.
“Es un bicho muy cobarde
-exclama la rana ciega-.
¿No cantas nunca?” “No canto”,
dice el caracol. “¿Ni rezas?”
“Tampoco: nunca aprendí”.
“¿Ni crees en la vida eterna?”
“¿Qué es eso?
“Pues vivir siempre
en el agua más serena,
junto a una tierra florida
que a un rico manjar sustenta”.

“Cuando niño a mí me dijo
un día mi pobre abuela
que al morirme yo me iría
sobre las hojas más tiernas
de los árboles más altos”.

“Una hereje era tu abuela.
La verdad te la decimos
nosotras. Creerás en ella”,
dicen las ranas furiosas.

“¿Por qué quise ver la senda?
-gime el caracol-. Sí creo
por siempre en la vida eterna
que predicáis…”
Las ranas,
muy pensativas, se alejan.
y el caracol, asustado,
se va perdiendo en la selva.

Las dos ranas mendigas
como esfinges se quedan.
Una de ellas pregunta:
“¿Crees tú en la vida eterna?”
“Yo no”, dice muy triste
la rana herida y ciega.
“¿Por qué hemos dicho, entonces,
al caracol que crea?”
“Por qué… No sé por qué
-dice la rana ciega-.
Me lleno de emoción
al sentir la firmeza
con que llaman mis hijos
a Dios desde la acequia…”

El pobre caracol
vuelve atrás. Ya en la senda
un silencio ondulado
mana de la alameda.
Con un grupo de hormigas
encarnadas se encuentra.
Van muy alborotadas,
arrastrando tras ellas
a otra hormiga que tiene
tronchadas las antenas.
El caracol exclama:
“Hormiguitas, paciencia.
¿Por qué así maltratáis
a vuestra compañera?
Contadme lo que ha hecho.
Yo juzgaré en conciencia.
Cuéntalo tú, hormiguita”.

La hormiga, medio muerta,
dice muy tristemente
“Yo he visto las estrellas.”

“¿Qué son las estrellas?”, dicen
las hormigas inquietas.
Y el caracol pregunta
pensativo: “¿Estrellas?”
“Sí -repite la hormiga-,
he visto las estrellas,
subí al árbol más alto
que tiene la alameda
y vi miles de ojos
dentro de mis tinieblas”.
El caracol pregunta:
“¿Pero qué son las estrellas?”
“Son luces que llevamos
sobre nuestra cabeza”.
“Nosotras no las vemos”,
las hormigas comentan.
Y el caracol: “Mi vista
sólo alcanza a las hierbas.”

Las hormigas exclaman
moviendo sus antenas:
“Te mataremos; eres
perezosa y perversa.
El trabajo es tu ley.”

“Yo he visto a las estrellas”,
dice la hormiga herida.
Y el caracol sentencia:
“Dejadla que se vaya.
seguid vuestras faenas.
Es fácil que muy pronto
ya rendida se muera”.

Por el aire dulzón
ha cruzado una abeja.
La hormiga, agonizando,
huele la tarde inmensa,
y dice: “Es la que viene
a llevarme a una estrella”.

Las demás hormiguitas
huyen al verla muerta.

El caracol suspira
y aturdido se aleja
lleno de confusión
por lo eterno. “La senda
no tiene fin -exclama-.
Acaso a las estrellas
se llegue por aquí.
Pero mi gran torpeza
me impedirá llegar.
No hay que pensar en ellas”.

Todo estaba brumoso
de sol débil y niebla.
Campanarios lejanos
llaman gente a la iglesia,
y el caracol, pacífico
burgués de la vereda,
aturdido e inquieto,
el paisaje contempla.

 

(Federico Garcia Lorca)

 


  • 0

black out

Category : Sermoni

Angoscia.
Tutta attorno.
La sento respirare.
Mi osserva, mi opprime.
Mi succhia ogni volontà.
Reca con se sogni cupi, senza una visione chiara, solo pesanti come macigni.
La consapevolezza di non essere accettato,
la presenza di qualcuno di interno, più a portata di mano.

Sono sempre più in versione orso, la lontananza dal mondo mi rende sempre più scontroso con chiunque.
Non ho neppure voglia di attendere l’alba. E’ insipida vista da qua.
Sull’isola uscivo tutti i giorni per ammirarla. La sentivo entrare in me. La luce del mattino a cui appartengo.
C’è tanto odio attorno a me. E’ palpabile. Ma è il mio ambiente naturale, sono nato in mezzo all’odio e quando non c’è un po’ mi manca. Mi fa sentire vivo e ramingo in un mondo di zombie.
Ogni tanto mi capita di incontrare qualcuno di loro che mi colpisce particolarmente. Percepisco l’irrequietezza dell’anima e provo ad osservarla. A volte me lo consentono, a volte fuggono.
Coloro che non si spaventano li accompagno verso un percorso di consapevolezza, ma coloro che si impauriscono mi generano tristezza e dolore.
Il senso di impotenza mi pervade, non poter fare nulla per loro, non poter usare nessuna forma coercitiva, non è nei poteri che mi sono stati concessi imporre alcunché.

Ho voglia di parlare con qualcuno… ma tutto è assopito. Neppure una luce trapela a mo’ di faro.
Internet ha finalmente ripreso dopo alcune ore di black out. Ma ormai sono andati tutti. Il senso di solitudine resta.

 

 

www.allwallpapersfree.org


  • 0

Yesterday

Category : Uncategorized

Mi hai chiesto cosa desidero essere per te.
Ci ho pensato sopra, ed ora lo so.

Voglio essere tuo amico
Voglio essere tuo padre
Voglio essere il tuo insegnante
Voglio essere il tuo compagno di banco per apprendere con te cose nuove
Voglio essere il tuo fidanzato
Voglio essere il tuo amante
Voglio essere al tuo fianco
Voglio essere ciò che tocchi
Voglio essere ciò che annusi
Voglio essere ciò che osservi
Voglio essere il tuo presente
Voglio essere la tua speranza
Voglio amarti per ciò che sei, non per ciò che vorrei tu fossi
Ma ciò che più conta è ciò che non voglio essere per te

Non voglio essere il passante che ti urta mentre cammini
Non voglio essere il tuo manico di scopa
Non voglio essere colui che ti chiede una lacrima a comando
Non voglio essere le tue scarpe strette
Non voglio essere l’ovulo che ti tinge di rosso una volta al mese
Non voglio essere un triste pensiero che solca la tua mente
Non voglio essere la pioggia che bagna le tue scarpe nuove
Non voglio essere quel bambino che ti sveglia urlando
Non voglio essere quell’orologio che ti ricorda che tardi
Non voglio essere quell’autobus che perdi perchè la cerniera si era incastrata
Non voglio essere tutto ciò che stona nel tuo sentirti viva

Ma poi, pensandoci bene, voglio essere una sola cosa

Voglio essere la tua libertà…
… ed un dolce bacio che giace assopito sulle fragili ali di una farfalla in attesa di trovare uno spiraglio per il tuo animo inquieto

 


  • 0

Attesa commissione

Category : Uncategorized

Approfitto del manfunzionamento telegram per un piccolo sfogo personale. E per farlo copio spudoratamente una canzone, l’avvelenata di Guccini. Spiega molto bene la situazione. Poi anche lui, come De Andrè, appartiene alla mia “razza”. Metterò solo alcuni piccoli adattamenti, ma il senso è quello.

 


 

Ma s’ io avessi previsto tutto questo, dati causa e pretesto, le attuali conclusioni
credete che per questa gloria da stronzi, sarei venuto su telegram;
va beh, lo ammetto che mi son sbagliato e accetto il “crucifige” e così sia,
chiedo tempo, son della razza mia, per quanto grande sia, il primo che ha studiato…

Mio padre in fondo aveva anche ragione a dir che la pensione è davvero importante,
mia madre non aveva poi sbagliato a dir che un laureato conta più d’un sognatore:
giovane e ingenuo io ho perso la testa, sian stati i libri o il mio provincialismo,
e un cazzo in culo, accuse di terrorismo, dubbi di qualunquismo, son quello che mi resta…

Voi critici, voi personaggi austeri, militanti severi, chiedo scusa a vossìa,
però non ho mai detto che con un gruppo telegram si fan rivoluzioni, si possa far poesia;
io scrivo quando posso, come posso, quando ne ho voglia senza applausi o fischi:
vendere o no non passa fra i miei rischi, non leggete ciò che scrivo e sputatemi addosso…

Secondo voi ma a me cosa mi frega di assumermi la bega di star quassù a postare,
godo molto di più nell’ ubriacarmi oppure a masturbarmi o, al limite, a scopare…
se son d’ umore nero allora scrivo frugando dentro alle nostre miserie:
di solito ho da far cose più serie, costruire su macerie o mantenermi vivo…

Io tutto, io niente, io stronzo, io ubriacone, io poeta, io buffone, io anarchico, io fascista,
io ricco, io senza soldi, io radicale, io diverso ed io uguale, negro, ebreo, komunista!
Io frocio, io perchè scrivo so imbarcare, io falso, io vero, io genio, io cretino,
io solo qui alle quattro del mattino, l’angoscia e un po’ di vino, voglia di bestemmiare!

Secondo voi ma chi me lo fa fare di stare ad ascoltare chiunque ha un tiramento?
Ovvio, il medico dice “sei depresso”, nemmeno dentro al cesso possiedo un mio momento.
Ed io che ho sempre detto che era un gioco sapere usare o no ad un certo metro:
kompagni il gioco si fa peso e tetro, comprate il mio didietro, io lo vendo per poco!

Colleghi scrittori, eletta schiera, che si vende alla sera per un po’ di milioni,
voi che siete capaci fate bene a aver le tasche piene e non solo i coglioni…
Che cosa posso dirvi? Andate e fate, tanto ci sarà sempre, lo sapete,
un musico fallito, un pio, un teorete, una Thacina o un prete a sparare cazzate!

Ma s’ io avessi previsto tutto questo, dati causa e pretesto, forse farei lo stesso,
mi piace scrivere, sognare e bere vino, mi piace far casino, poi sono nato fesso
e quindi tiro avanti e non mi svesto dei panni che son solito portare:
ho tante cose ancora da raccontare per chi vuole ascoltare e affanculo tutto il resto!

 

 

 

IMG_0016


  • 0

Whatsapp boicotta telegram

Category : Uncategorized

Già qualche tempo fa Pavel Durov aveva reso noto, tramite un commento Facebook, che l’NSA avrebbe tentato di corrompere alcuni sviluppatori del team per ingaggiarli come spie; se un avvenimento del genere poteva rientrare nelle logiche della guerra di nervi condotta tra Stati Uniti e Russia, il blocco totale dei link relativi a Telegram è un colpo basso da cui solamente WhatsApp potrebbe ricavarci un guadagno. Se infatti si prova ad inviare in chat privata il link relativo ad un canale Telegram (ospitati sotto il dominio www.telegram.me) oppure al sito di Telegram stesso (www.telegram.org) ci si può accorgere come questi vengano sistematicamente bloccati dall’applicazione e considerati come semplici messaggi di testo.
Non solo: se si tenta di inoltrare uno di questi messaggi ad un altro contatto o gruppo, attivandone l’opzione eseguendo un tap prolungato sul messaggio prescelto, si potrà notare che dalla relativa barra degli strumenti è assente proprio l’icona di inoltro. Non si tratta poi di un problema relativo alla particolare estensione del sito di Telegram o dei suoi canali o un bug che affligge tutti i link in generale, poichè altri siti web legati ad altre organizzazioni vengono pienamente supportati.

 

WhatsApp-blocca-Telegram-1


  • 0

14 aprile 2016

Category : Info

Telegram è da ieri che sta subendo interruzioni di funzionamento.

Ancora non se ne sa la causa, tuttavia esistono molte selazioni di impossibilità a connettersi o di invio messaggi nei vari gruppi. Le prime avvisaglie si sono notate ieri sera verso la mezzanotte.
Le situazioni di maggiore allerta sembrano essere dislocate nel nord Italia, al nord della Germania e al sud delle Gran Bretagna, ma si hanno segnalazioni anche in Spagna ed in Austria.
Stiamo cercando di reperire informazioni per avere un’idea di cosa stia succedendo e sui tempi preveisti di risoluzione del problema.

Per quanto riguarda Chastle siamo ancora in fase di assestamento e la ricostruzione è appena iniziata. Tuttavia si notano già notevoli miglioramenti. L’ambiente ora è più sereno e tranquillo. C’è più spazio non solo per parlare di cose serie ma anche per ridere e scherzare. E’ sicuramente diventato un terreno più appetibile per chiunque non sia il solito adolescente clonato.
Come al solito non ho idea degli sviluppi che avrà, l’idea è sempre stata quella di lasciare che assuma un’identità proprio giorno per giorno, per cui resto alla finestra ad osservare. E nel frattempo mi godo la quiete di un mondo più adulto.

 

telegram-kUUG-U43170739381042cHI-1224x916@Corriere-Web-Nazionale-593x443


  • 0

Impero del Grande Giappone

Category : Info

大日本帝國
Dai Nippon Teikoku
Impero del Grande Giappone

 

italia-giappone

 

 

Ciao a tutti, mi chiamo Nozomi Tojo e oggi vi voglio parlare del “mio” gruppo.
Il gruppo si chiama Impero del Grande Giappone e come i piú arguti di voi avranno intuito si tratta di un gruppo nato dalla mia passione per gli anime e i manga che cerco di condividere con piú persone possibile. Se anche voi condividete una simile passione o siete interessati all’argomento cosa aspettate ad entrare nella terra del sol levante?

 

https://telegram.me/joinchat/BnZ5QD4oq628wrXewO67vA

 


  • 0

11 aprile 2016

Category : Sermoni

Nella giornata di ieri sono successe alcune cose degne di nota.
Partiamo da quella che viene definita “shitstorming” (ci vuole pazienza, i bimbiminkia si sentono grandi se usano parole copiate dagli adulti).
Racconto l’evolversi della situazione nelle linee generali.
Il giorno precedente, uno di tali bimbetti, ci aveva riempito il sito (circa 600) di foto porno viste e riviste migliaia di volte.
Sono bimbetti, credono di impressionare gente molto più grande di loro con i loro giochetti infantili.
Inoltre avevano postato anche il link al loro gruppetto per mongoloidi dove giocano a fare “gli uomini vissuti e stanchi della vita”.
E’ un classico, chiunque abbia fatto studi di psicologia, anche a livello basilare, riconosce subito tale atteggiamento tipico degli adolescenti con poco cervello e quindi poco da offrire al mondo.
Viene anche descritto molto bene da Esopo in una delle sua famose favolette, e ciò dimostra che tali atteggiamenti non sono stati inventati dai bimbiminkia moderni (nonostante loro lo credano), ma bensì esistono sin da quando è iniziato il primo barlume di civiltà umana.
Uno dei nostri membri, visitando il loro gruppetto, vide che alcuni stavano vantando della “megaspammata” e di averci fatto “rosicare”. Così decise di fare una piccola rappresaglia postando i link dei nostri gruppi.
Riuscì a farlo indisturbato per oltre un’ora, postando almeno 2000 link.
Se le loro misere 600 foto erano una “megaspammata da rosicamento”, come potremmo definire i nostri 2000 link che hanno reso il loro gruppetto invivibile per oltre un’ora?
Fatto sta che questi bimbiminkia sono avvezzi a queste cose (sono bimbi che giocano a fare la guerra con pistole finte), e hanno deciso di organizzarci un “mega-attacco” di massa. Ciò che appunto definiscono “shitstorming”.
Così si sono radunati per circa 3 ore, hanno infiltrato alcuni dei loro (sapevamo benissimo chi erano sin dal primo momento ma li abbiamo lasciati fare per divertirci un po’) e poi, ad un certo punto il loro capetto ha dato il via all’attacco.
Non vi dico i momenti terribili che abbiamo passato Il “terrore si è impossessato di noi”, gli scudi si sono immediatamente alzati (nessuno poteva più aggiungersi ai nostri gruppi) ed i bimbetti sono stati eliminati e segnalati a telegram.
Durata dell’attacco circa 3 secondi.
Se consideriamo che, numericamente parlando, loro sono circa 10 volte noi, direi che non c’è male come attacco massiccio.
Da voci di corridoio sembra che bande di bimbiminkia rivali li stiano ancora deridendo per la figura da peracottari che hanno fatto.
Piccola nota finale, la classica ciliegina sulla torta.
Nell’alzare gli scudi avevamo appositamente lasciato aperto l’ingresso di servizio. Serviva per misurare il loro quoziente intellettivo. Ebbene, nessuno di loro se ne è accorto, e questo la dice lunga sul livello di tali personaggi.

Episodi di questo genere, come diceva il nostro creatore, avverranno sempre più spesso. Siamo davvero invidiati sempre di più a causa della nostra serietà ed innovazione che stiamo portando all’interno di telegram.
Per cui armiamoci di tanta pazienza e giochiamo un po’ con tali bimbetti, in fondo sanno farci divertire anche loro.

Un altro passo è stato fatto per quanto riguarda la nostra presenza nel mondo della Rete.
Ora possediamo una raccolta in Google+. Chi desiderasse connettersi può farlo utilizzando questo link (spero funzioni, non l’ho ancora testato, eventualmente datemi un riscontro).

https://plus.google.com/collection/MgEcgB

E per oggi vi saluto e vi auguro un buon proseguimento nel mondo Chastle.

 

 

wallpaper-66408